Con l’home sharing il turismo è più sostenibile Airbnb ad IT.A.CÀ, il festival sul turismo responsabile di Bologna

Airbnb sostiene “IT.A.CÀ migranti e viaggiatori”, il primo festival in Italia sul turismo responsabile, che si terrà a Bologna a fine maggio.

Il 2017 è stato dichiarato dall’ONU “L’anno del turismo sostenibile” e anche Airbnb, in tutto il mondo, sta lavorando per promuovere modi più verdi di viaggiare, come partner della campagna #IY2017 delle Nazioni Unite, al fianco di istituzioni, organizzazioni internazionali e attori privati.

IT.A.CÀ invita a scoprire luoghi e culture attraverso itinerari a piedi e a pedali, workshop, seminari, laboratori, mostre, concerti, documentari, libri e degustazioni, per vivere l’emozione del viaggio in maniera autentica e sostenibile. Il tema di questa edizione è “Turismo sostenibile per lo sviluppo”. Due i giorni in cui si discuterà di home sharing presso le Serre dei Giardini Margherita.

Vi segnaliamo, in particolare, due momenti. Il primo, sabato 21, alle 10, sarà un confronto sul contributo dell’home sharing all’offerta turistica metropolitana. La casa è la base di partenza per la scoperta della città, del territorio e della loro offerta culturale e ogni casa offre prospettive e racconti diversi sull’esperienza di viaggio.

Domenica alle 14.30, invece, ci si potrà dedicare ai temi della condivisione e della sostenibilità con il panel “Sharing è sostenibile! Il turismo basato sulla sharing economy fa bene all’ambiente e alle relazioni sociali”. Per tutto il giorno, poi, si terrà “La mia Casa non è un Albergo”, un ciclo di workshop gratuiti tenuti dagli host più esperti per imparare tutto quello che serve per avviare in regola e con successo la propria struttura.

L’impatto ambientale di Airbnb

Lo sapevi che soggiornare in un alloggio disponibile su Airbnb è sensibilmente più ecosostenibile e più efficiente nell’utilizzo delle risorse rispetto alle sistemazioni tradizionali? È stato calcolato che in un anno gli ospiti di Airbnb in Italia hanno determinato un potenziale impatto positivo stimato in:

  • un risparmio idrico pari a 800 piscine olimpioniche
  • una riduzione dei rifiuti fino a 7.300 tonnellate
  • una diminuzione delle emissioni di gas serra pari a oltre 147 milioni di automobili
  • un risparmio di energia pari a quella consumata da 51 milioni di case.

È emerso inoltre che:

  • il 98% gli host attua, nei propri spazi, pratiche ecocompatibili
  • l’85% degli host realizza la raccolta differenziata e invita i propri ospiti a fare altrettanto
  • il 15% degli host mette a disposizione dei propri ospiti biciclette per spostarsi.

Puoi saperne di più qui.

Leggi di più sul festival qui. Sei un host? Puoi conoscere l’Home Sharing Club bolognese cliccando qui.